FacebookTwitterLinkedInGoogle+

80 anni fa
L’assassinio di Jan Opletal

Nel 1939, il ventiquattrenne Jan Opletal era un giovane studente della Facoltà di Medicina dell’Università di Praga. Il 28 ottobre di quell’anno, giorno dell’anniversario della fondazione della Repubblica Cecoslovacca, stava manifestando con altri studenti universitari e distribuendo volantini contro l’occupazione della Cecoslovacchia ad opera della Germania di Hitler. Alla manifestazione antinazista, alla cui organizzazione partecipò attivamente anche il Partito Comunista, aderirono oltre 100.000 persone. I cittadini si riversarono in strada inneggiando contro i tedeschi e cantando l’inno nazionale e altre canzoni patriottiche. La polizia ceca simpatizzò con i dimostranti e decise di non intervenire. Jan Opletal si trovava sulla via Žitná quando venne colpito al torace da un colpo di pistola esploso da un cittadino tedesco. Fu trasportato d’urgenza all’Ospedale di Karlovo náměstí per essere operato, ma le gravi ferite riportate ne causarono il decesso il successivo 11 novembre.